Con questo esercizio vi propongo di esplorare l’idea che la felicità sia qualcosa che si costruisce e non semplicemente qualcosa che ci capita. Tutti, quotidianamente, possiamo fare qualcosa per renderci un po’ più felici.

Secondo Martin Seligman, pioniere della psicologia positiva, la felicità è fatta di di cose che ci piacciono, di cose che ci fanno stare bene e di cose che danno valore e significato alla nostra esistenza. 

Spesso, però, attendiamo un “momento di svolta” che cambi la nostra vita in modo positivo e sorprendente e che ci metta in una condizione permanente di grande benessere. Se è vero che alcune volte succedono cose che ci rendono felici, questa idea può renderci però passivi, scontenti e delusi, allontanandoci dalla possibilità di vivere un’esistenza più appagante.

Per fare questo, vi invito a realizzare il vostro personale “piccolo Collage della Felicità”.

Per fare questo esercizio avrete bisogno di: 

  • Carta
  • Penna
  • Un foglio da disegno possibilmente grande (se non avete un foglio da disegno, possono andare bene anche un pezzo grande di carta da pacchi o il lato di una scatola di carta)
  • Riviste e giornali illustrati (con foto, immagini e disegni). Le riviste e i giornali possono essere vecchi o recenti. 
  • Forbici
  • Colla e/o Scotch

Per i più creativi, è possibile usare anche colori (matite colorate, pennarelli, colori a tempera, etc).

Ora seguite le mie istruzioni e costruiamo insieme il vostro personale Collage della Felicità:

  • Scegliete le immagini:
    Scegliete e ritagliate 20 (o più) immagini che rappresentano cose o situazioni che vi piacciono e/o che suscitano in voi delle emozioni positive. 

  • Componete il vostro Collage provvisorio:
    Prendete il foglio grande e posizionate le immagini come meglio credete ma non incollatele ancora. Questo è il vostro piccolo Collage della Felicità provvisorio…

  • Un momento di riflessione:
    Ora chiudete gli occhi e fate quattro o cinque respirazioni e pensate che questo collage rappresenta ciò che vi piace e che vi rende felici.  
    Una volta riaperti gli occhi, prendete carta e penna e rispondete a queste domande:

    – Che cosa mi colpisce di questo collage? 
    – Che cosa vorrei togliere?
    – Che cosa manca in questo collage?

Se pensate che ci sia qualcosa da sostituire. potete farlo ora.
Se pensate che ci sia qualcosa da togliere, potete farlo ora.
Se pensate che ci sia qualcosa da aggiungere, potete farlo ora.

  • Componete il vostro “piccolo Collage della Felicità”:
    Fate tutti gli aggiustamenti che ritenete necessari per comporre il vostro “piccolo Collage della Felicità” e incollate le immagini che avete ritagliato.

  • Componete il vostro Piano di Azione:
    Una volta ultimato il collage, osservatelo, prendete carta e penna e chiedetevi:

    Che cosa potrei fare per rendere la mia giornata più soddisfacente
    Quali delle cose che ho inserito nel collage manca nella mia vita?
    Che cosa renderebbe la mia vita più gustosa?

Scrivete quindi le vostre idee e le vostre intuizioni. Create un piano di azione che sia il più possibile realistico e realizzabile e…AGITE!!!!

Vi auguro molti, moltissimi momenti di felicità. Ma soprattutto vi auguro di diventare sempre di più i protagonisti della vostra esistenza e i promotori del vostro benessere.

———————

Author: Paolo Assandri è un Counselling Psychologist (registrato presso HCPC e British Psychological Association ), uno Psychotherapist (UKCP) e uno Psicologo (Ordine degli Psicologi del Piemonte). Vive e lavora a Londra dove offre counselling e psicoterapia. 

———————

Nota degli Autori: Questo esercizio non si intende come sostituto di alcuna terapia medica e/o psicologica. Il suo obiettivo è quello di migliorare il senso di benessere individuale. Qualora sentiste bisogno di supporto medico e/o psicologico, rivolgetevi ad un professionista sanitario (medico, psicologo o psicoterapeuta). Gli autori, i produttori e i consulenti impegnati alla realizzazione di questo esercizio non sono responsabili di eventuali infortuni psico-fisici durante e dopo l’esecuzione delle attività proposte in questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *