Blog

Obiettivo di questo Esercizio di Psicologia Positiva è quello di permettervi di comprendere come le eccezioni possano aiutarvi a cambiare un comportamento che vorreste modificare.Per fare questo, vi invito a riflettere su una cosa che tutti facciamo: quando descriviamo i nostri comportamenti tendiamo a farlo in modo molto simile. Usiamo spesso le stesse parole, le stesse espressioni, le stesse metafore, creando una versione del nostro racconto così strutturata e rigida da non permetterci di cambiare
Obiettivo di questo nono e penultimo Esercizio di Psicologia Positiva è quello di aiutarvi a modificare il vostro atteggiamento nei confronti di quelle vostre caratteristiche che non vi piacciono. L’obiettivo è quello di aiutarvi ad avere un atteggiamento più gentile e amorevole nei vostri confronti. Per fare questo esercizio, prendete carta e penna. Scrivere le vostre riflessioni vi darà la possibilità di acquisire maggiore chiarezza: 🌻  Pensate a tutte le volte vi siete criticati per
Secondo uno studio di Lyubomirsky, Tkach e Yelverton del 2004, compiere deliberatamente atti di gentilezza può incrementare il livello di felicità e di benessere.  Partendo da questa idea, per questo ottavo appuntamento con gli Esercizi di Psicologia Positiva, ho deciso di proporvi un’attività estremamente semplice: VI INVITO A COMPIERE QUOTIDIANAMENTE ALMENO UN ATTO DI GENTILEZZA PER UNA SETTIMANA. Sia esso piccolo o grande. Sia esso nei confronti di persone che conoscete o nei confronti di sconosciuti.Per chi avesse bisogno
Con questo esercizio vi propongo di esplorare l’idea che la felicità sia qualcosa che si costruisce e non semplicemente qualcosa che ci capita. Tutti, quotidianamente, possiamo fare qualcosa per renderci un po’ più felici. Secondo Martin Seligman, pioniere della psicologia positiva, la felicità è fatta di di cose che ci piacciono, di cose che ci fanno stare bene e di cose che danno valore e significato alla nostra esistenza.  Spesso, però, attendiamo un “momento di
 
Nelle antiche tradizioni sciamaniche, specie quelle dei Nativi d’America, l’Animale Totem rappresentava un simbolo dotato di particolari poteri e caratteristiche. In quelle tradizioni, l’Animale Totem era considerato una guida spirituale che, proprie grazie alle sue peculiarità e ai suoi poteri, era in grado di accompagnare, consigliare e proteggere le persone durante la loro esistenza. In questo esercizio inviterò ognuno di voi ad immaginare di avere un proprio personale Animale Totem. Per questo motivo prendete carta

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *